Nella vita ci sono cose di cui nessuno può fare a meno, indipendentemente dalla propria condizione sociale ed economica uno dei bisogni primari di ogni individuo, oltre al bere e mangiare, è vivere sotto un tetto.
Ormai da tempo la possibilità di ottenere una casa di proprietà si sta riducendo. La casa è ciò che garantisce ad ognuno di noi di vivere dignitosamente, essendo uno dei beni che dovrebbe essere accessibile a tutti. A tal proposito, si riporta di seguito l’Art. 25 comma 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, firmata a Parigi il 10 dicembre 1948:

Ogni individuo ha diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari; ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o in altro caso di perdita di mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà”.

Questo articolo non rispecchia ciò che in realtà avviene quando procediamo all’accensione di un mutuo. Ne sono conferma gli articoli dal 1813 al 1822 del CC che citano:
Il mutuo è il “contratto” con il quale una parte (mutuante) consegna una determinata quantità di danaro o di altre cose fungibili all’altra parte (mutuatario), che ne acquista la proprietà e si obbliga a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità. Il mutuo è un contratto reale: per il suo perfezionamento è pertanto necessaria la consegna del danaro o delle cose mutuate (nella pratica, il mutuo ha per oggetto, in genere, una somma di danaro). Il mutuo si presume oneroso: infatti, salvo diversa volontà delle parti, il mutuatario deve corrispondere al mutuante gli interessi, il cui mancato pagamento legittima il mutuante a chiedere la risoluzione del contratto (fonte Enciclopedia Treccani).

La posizione economica e i requisiti necessari per poter accedere ad un mutuo, non sono oggi alla portata di tutti e sembra che questo strumento per raggiungere la proprietà immobiliare sia diventato obsoleto, specialmente oggi dopo l’avvento del Covid19, che purtroppo è costato il lavoro a molte persone che pagano il mutuo o avevano intenzione di sottoscriverne uno.
La possibilità di raggiungere uno degli obiettivi più importanti della nostra vita, non è più così scontata. Con questo si intende che chi non dovesse avere accesso al credito bancario potrebbe trovarsi a vivere in affitto a vita.
Tradizionalmente non vi sono molte scelte: contanti o mutuo. Qualcuno direbbe che esiste anche il “rent to buy” ma abbiamo visto quanto poco appeal abbia avuto nel mercato italiano circa lo 0,8%, ciò motivato dal fatto che non è stato ridisegnato per un mercato, il nostro, ben diverso da quello americano.

Dopo un periodo di pandemia globale, dove quasi tutti hanno avuto perdite economiche, lavorative e non solo…la media nazionale degli italiani che avrebbe la richiesta mutuo respinta è salita da 6 su 10 PreCovid19 a 8 su 10 PostCovid19. Chi aveva la possibilità di comprare in contanti, adesso potrebbe essere avvantaggiato da un mercato che assetato di liquidità, dove si può acquistare a sconto.
La soluzione al problema che accomuna gran parte della popolazione mondiale, è sul mercato italiano già da quasi tre anni ed è frutto dello studio di un team italiano di esperti e professionisti del settore immobiliare, finanziario, edile, legale e tecnologico.
Comaan è quell’azienda che permette a chiunque, senza vincoli, garanzie proprie e di terzi di poter acquistare una casa al suo reale valore di costruzione.
Comaan vuole dare un forte contributo all’innovazione del mondo immobiliare.
Il suo apporto potrebbe verificarsi come un vero e proprio anno zero, un consistente spartiacque tra il mercato immobiliare tradizionale, quello che oggi è stanco e vive grandi difficoltà avendo bisogno di nuova energia e linfa vitale e il mercato immobiliare del futuro, quello che utilizza nuovi modelli finanziari e la tecnologia per rendere più semplice e dinamico l’accesso al mercato da parte dei privati.
Da tenere a mente la dualità di significato della parola crisi: opportunità e cambiamento.

Alessandro Franco
Brand Ambassador Comaan